Clitoride e punto G? Le ultime scoperte


Pagine del sito

 
bar_log.jpg
 

 

 

I commenti dei lettori

 

Nell’articolo che segue viene spiegato che il punto G, per dirla qui in sintesi, non è altro che una parte molto prossima al clitoride che a sua volta è un apparato molto più esteso internamente, di quanto invece appaia all’esterno.

Prima di lasciarvi all’articolo, ricordo in particolare, a chi segue il Percorso di Liberazione del Sé, nato dalla scoperta della double-matrix, che questo aspetto è di notevole rilevanza. Perché vanno distinti i due apparati, quello del piacere (il clitoride) e quello riproduttivo.

Sia il punto G che l’orgasmo vaginale quindi, non esistono in sé. L’orgasmo vaginale può essere provato eventualmente e in rarissimi casi, per lo strusciamento con la parte sottile che divide la vagina dal clitoride, o… e soprattutto, per meccanismi procurati dalla mente (desiderio di appartenenza e di possesso).

Non a caso la matrice-vivente a investito molto nel divulgare la falsa informazione dell’orgasmo vaginale, per spingere verso la penetrazione, forte ed immediata, in modo da favorire esponenzialmente la procreazione. Mentre invece essa non è altro che un aspetto molto marginale di ciò che possiamo chiamare, in modo corretto, “espressione dell’energia sessuale”. Un aspetto quindi; non il tutto.

Si potrebbe dire che una persona che ha fatto penetrazione 10.000 volte nella sua vita, non conosce del sesso, se non un frammento. Viceversa, Liberandosi dalla matrice-schiavizzante, il secondo chakra e quello del cuore si connettono tra loro, creando un’onda di energia che nutre gli esseri e la loro creatività, portandoli, piano piano, a incontrare l’UNO.

Ed è questo che tra le varie cose insegniamo attraverso l’esperienza reale, nella Selfniversity - Academy for Self Liberation Guides e nei Percorsi di Liberazione del Sé.

Almalibre Rebelde


Link all’articolo: http://www.violetab.com/anatomia-femminile-clitoride-punto-g-vulva/